Sanità, Audizione in commissione della Federazione toscana diabetici. Stefano Scaramelli: “Prevenzione e massima attenzione qui e in sede di governo clinico”


Unico PDTA per la regione, rinnovo e rilascio patenti, farmaci biosimilari, innovazione, presidi Estar e acquisto degli aghi

sanita_sistema_sanitario_regionale_toscana_logoIl rinnovo e il rilascio patenti, i farmaci biosimilari, l’innovazione, i presidi Estar tra i punti al centro dell’attenzione della Commissione sanità nell’audizione di oggi della Federazione toscana malati di diabete. Fra i temi anche l’elenco dei presidi toscani, la sollecitazione del rinnovo della Commissione regionale sulle attività diabetologiche, il Piano diabetologico terapeutico, la verifica dell’applicazione delle delibere sul territorio. Tredici i punti  che stanno a cuore ai malati di diabete e di cui la commissione Sanità guidata Stefano Scaramelli si farà carico. Oggi il primo passo con l’audizione di Roberto Cocci presidente della Federazione toscana  diabetici. “Sul PDTA, il Piano Diabetologico Terapeutico Assistenziale Operativo, dobbiamo assicurare che in Toscana– ha detto il presidente Stefano Scaramelli– tutti abbiano la stessa assistenza con un unico PDTA regionale in linea con il Piano Sanitario Nazionale. Il diabete è uguale in tutta Italia e in ogni Regione, dovrebbe avere la stessa assistenza in qualunque località il paziente risieda.

Su altri temi, come sull’innovazione (ad esempio gli strumenti di tecnologia avanzata per leggere la glicemia) e sull’acquisto dei presidi sanitari apriremo una discussione in sede di governo clinico, mentre molti degli altri punti saranno all’attenzione della commissione. Un aspetto che resta centrale e attorno al quale deve ruotare il nostro sistema sanitario è la prevenzione. Come Regione dobbiamo cercare, sempre di più, di prevenirne l’insorgenza del diabete con la promozione di corretti stili di vita, e sulla prevenzione al contrasto delle conseguenze, anche molto gravi, che la malattia può provare”.

In particolare emerge la richiesta che per l’accertamento  del rinnovo e rilascio patenti non ci sia discrezionalità ma corretta applicazione della legge  e che si effettuino attente verifiche sugli effetti dei nuovi farmaci biosimilari. Tra i punti elencati oggi, oltre al tema dell’innovazione, anche l’adeguamento normativo riguardo la patente e il libretto di mare. Attenzione anche sui farmaci biosimiliari riguardo ai quali la Federazione chiede che i farmaci attualmente usati non vengano sostituiti automaticamente con Biosimilari senza accordo e consenso informato. Alcuni temi toccano anche il lavoro: l’assunzione di persone con diabete è infatti legata al parere del Medico competente; le gare Estar per le quali si chiede un obbligo di verifiche periodiche. E fra i punti anche l’elenco dei presidi toscani, la sollecitazione del rinnovo della Commissione regionale sulle attività diabetologiche, il Piano diabetologico terapeutico, la verifica dell’applicazione delle delibere sul territorio. Il presidente Scaramelli ha poi ricordato la legge sulla partecipazione appena approvata che “permette alle associazioni di partecipare alla programmazione sanitaria e alle successive fasi di verifica e controllo”.